Viadotti ai raggi x, by-bridge alle Selve

I controlli sono di routine per gli addetti ai lavori ma lo’impatto visivo colpisce l’attenzione. E in modo particolare il viadotto scelto dall’Anas che è quello delle Selve, una struttura sorretta da molti piloni che si erge nel vuoto nel tratto della collina del Torrino. L’operam è stata eseguita nel 1970 ed è uno dei punti caldi del traffico della nostra provincia. Basti pensare che siamo sull’asse Livorno-Ancona. Non è un caso che il traffico me4rci sia particolarmente interessato a questo tratto di strada che aspetta il semafoto verde per il completam,ento della due mari.
Da oggi e per almeno 10 giorni gli operai e tgecnici sono sul posto per eseguire i controlli allo stato di salute dei viadotti. Oltre a ispezioni trimestrali deve esere fatta sempre una di carattere tecnico. I tecnici specializzati sono ricorsi all’uso del by bridge, un ponte mobile che spesso vediamo in autostrada e in tratti come quello del Puleto nella E45. Tutto questo permetterà di verificare il viadotto in tutti i suoi aspetti senza dimenticare le aree sottostanti. Nell’operazione sarà utilizzata anche una piattaforma aerea.L’Anas al limite dei due cahtieri ha piazzato cartelli che avvisano gli automobilisti. Necessario il rispetto della velocità nel segno della sicurezza.

Condividi l’articolo