Vaccino, tutto pronto per la terza dose

Da lunedì 20 settembre in tutta la la ASL Toscana Sud Est  parte la somministrazione della terza dose di vaccino anticovid con Moderna oppure Pfizer. Ad avere la priorità sono le persone estremamente fragili che rientrano nelle categorie stabilite dal Ministero della Salute.

I pazienti affetti da patologia oncologica o onco-ematologica e che sono in trattamento con farmaci immunosoppressivi o mielosoppressivi o li hanno terminati da meno di 6 mesi, ed abbiano eseguito il ciclo vaccinale primario con ultima dose somministrata da oltre 28 giorni. in In questa fase nell’area Sud-Est sono circa 8000 le persone interessate alla terza dose.  I pazienti più numerosi sono i dializzati, i trapiantati, gli immuno-depressi, gli oncologici in terapia o con terapia interrotta da meno di 6 mesi.

I nostri reparti stanno contattando tutte le persone indicate nella tabella regionale spiega il Direttore Sanitario della USL Toscana sud est  – Simona Dei – invitandole a presentarsi sia nei centri specialistici ospedalieri che negli Hub vaccinali già da lunedì

“La nostra organizzazione è ormai rodata e siamo pronti ad accogliere queste persone in tutti i centri vaccinali. Andremo avanti nel rispetto delle disposizioni nazionali e regionali, portando avanti, in contemporanea, il completamento del ciclo vaccinale di tutti gli altri cittadini.”

“Questa terza dose è importante per raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria, soprattutto in persone che stanno attraversando un periodo di cura molto delicato – ha dichiarato Carlo Milandri direttore di Oncologia degli ospedali riuniti aretini. Il nostro staff – prosegue Milandri – è impegnato per far si che tutti vengano raggiunti e si possano vaccinare nel più breve tempo possibile.

E’ fondamentale che i pazienti aderiscano alla chiamata.

Le persone che appartengono alle categorie target, qualora non venissero contattate, potranno rivolgersi agli hub vaccinali per la terza dose e per informazioni ulteriori possono contattare il call center aziendale 800432525.

Queste le categorie target interessate come da circolare ministeriale:

•        trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva;

•        trapianto di cellule staminali ematopoietiche (entro 2 anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva per malattia del trapianto contro l’ospite cronica);

•        attesa di trapianto d’organo;

•        terapie a base di cellule T esprimenti un Recettore Chimerico Antigenico (cellule Car-T);

•        patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure;

•        immunodeficienze primitive (per esempio sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune variabile eccetera);

•        immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (per esempioterapia corticosteroidea ad alto dosaggio protratta nel tempo, farmaci immunosoppressori, farmaci biologici con rilevante impatto sulla funzionalità del sistema immunitario, eccetera);

•        dialisi e insufficienza renale cronica grave;

•        pregressa splenectomia;

•        sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids) con conta dei linfociti T CD4+ < 200cellule/µl o sulla base di giudizio clinico.

Condividi l’articolo