Unicredit-Mps, fusione che preoccupa

Mentre la provincia di Arezzo deve ancora metabolizzare la fusione tra Ubi Banca e Intesa San Paolo, si profila già all’orizzonte un’altra acquisizione importante quella di Monte dei Paschi di Siena, da parte del gruppo Unicredit. Un’operazione che si è resa necessaria poichè, dal 2017, anno in cui il Tesoro decise per il salvataggio di MPS, lo Stato Italiano detiene il 64% del capitale dell’istituto di credito sense.

Secondo gli accordi con l’Ue entro fine 2021 la presenza pubblica nel Monte dei Paschi deve però terminare, di qui l’inizo della trattativa con Unicredit Banca. Nell’aretino i due istituti bancari contano oltre 350 dipendenti. Qualora la trattativa si concretizzasse, il sindacato Fabi ha ipotizzato i possibili scenari.

Condividi l’articolo