Un anno fa ci lasciava Benito Butali

Una cosa ci promettiamo di fare. Di non cadere nella retorica. Non avrebbe gradito. Benito Butali ci ha lasciato un anno fa. Ricordare la sua figura, il suo ruolo e soprattutto quello che ha significato per questo territorio potrebbe sembrare banale. Senza giri di parole è stato un grande. Nel suo modo di essere schietto e diretto Grande imprenditore, visionario e al tempo stesso concreto, ha sempre avuto il coraggio di rischiare quando vedeva che c’era lo spiraglio per poter crescere. Chissà come avrebbe reagito alla crisi del covid. Ma Benito Butali ha avuto la freddezza e il coraggio di prendere decisioni importanti anche in altri momenti difficili nella sua vita. Ha sempre guardato con fiducia al futuro. Credeva nei giovani e soprattutto non temeva di confrontarsi con gli altri. Gli è rimasto il cruccio del calcio. Forse non era il suo mondo, ma non se ne è mai distaccato e vedere la scritta Teletruria sulle maglie della squadra che riconquistò la serie B nel 2004, fu una parziale rivincita della delusione patita nel 2004.

Condividi l’articolo