Umbria, prima vittima del coronavirus: il re del liscio Pescari

Il re del liscio Ivano Pescari è morto ieri all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Il tifernate 66enne è la prima vittima umbra da infezione da coronavirus. L’uomo era stato ricoverato mercoledì, e fin da subito il suo quadro clinico era apparso grave all’ospedale di Città di Castello. Poi il trasferimento presso il presidio ospedaliero perugino, dove è stato fatto il possibile per salvarlo.

In Umbria sono al momento 62 le persone risultate positive al covid-19.

Condividi l’articolo

Vedi anche: