Torce accese per la Resistenza aretina

Sono passati 77 anni, ma la memoria quell’atto atto di ribellione alla tirannia fascista resta ancora ben impresso nella memoria di chi disse di no ai dicktat del comando tedesco. E’ stata ricordata la notte dei fuochi sulle montagne, a farlo è stata la Brigata 25 maggio che sull’Alpe di Poti, ha voluto ricordare con questo gesto simbolico quello che accadde in questo giorno nel 1944. Fu un gesto di sfida alla richiesta di resa. Nei giorni scorsi a Roma c’è stata una manifestazione dell’estrema destra a cui hanno preso parte anche dei militanti aretini. La Brigata XXV MAGGIO ha voluto dare anche questa risposta ricordando chi disse di no alla violenza e alla prevaricazione citando i giovani aretini che in prima fila si opposero a quella oppressione.

Condividi l’articolo