Superiori, rientro a classi alternate

Dopo una rivoluzione della didattica che dura da mesi, anche il rientro dalle vacanze di Natale sarà del tutto nuovo. Un rientro su cui al momento rimangono alcuni dubbi sollevati da più parti, destati dalla situazione dei contagi. Per le superiori al momento è previsto il ritorno sui banchi di scuola al 50% per il periodo che va dal 7 al 15 gennaio. Sono i presidi che stanno decidendo come organizzare questa modalità didattica, nonostante molti lamentino di non essere stati consultati durante le riunioni prefettizie degli scorsi giorni. Ad Arezzo la maggior parte delle scuole superiori opterà per l’ingresso alternato delle intere classi, ovvero per alcuni giorni della settimanala metà delle classi intere lavorerà in presenza, mentre l’altra metà in teledidattica. Così hanno deciso Liceo Classico, Liceo Scientifico, Liceo Colonna, Liceo Piero della Francesca, Istituto Margaritone, Istituto Buonarroti Fossombroni. Una scelta dettata dalla maggiore funzionalità didattica. L’intera classe in presenza può muoversi più agilmente per interrogazioni e verifiche mentre dividere le classi con le lezioni da remoto potrebbe creare disguidi anche logistici. Unica eccezione è al momento l’Itis Galileli. Domani il preside Artini riunirà la commissione oraria avanzando l’ipotesi di dividere ogni classe al 50%. Nonostante la consapevolezza della difficoltà di unire la didattica da remoto con quella in presenza, Artini predilige una soluzione che tenga conto di una probabile maggiore contagiosità del virus dovuta all’ingresso in Italia della variante inglese e consentire così un maggiore distanziamento degli studenti nelle aule.

Restano validi i minimi scaglionamenti di orario per permettere agli studenti di arrivare in più gruppi, ad esempio il Liceo Classico apre alle 7:40 e Liceo Piero della Francesca alle 7:30, ma la campanella di inizio suonerà per tutti allo stesso orario. Il distanziamento anche in altre scuole è garantito dalle varie porte di entrata e di uscita allestite anche da settembre.

Condividi l’articolo