Si sfidano clandestinamente in velocità sullo Spino, tre riminesi a processo

Alla guida di un’auto e due moto modificate, tre riminesi si sfidano emulando il film “Fast and furious” in gare clandestine di velocità sul passo dello Spino nel comune di Pieve Santo Stefano e li commentano sui social, scoperti e denunciati dai carabinieri forestali. Si tratta di tre persone residenti a Rimini in età compresa tra i venti e i trent’anni che andranno a processo per rispondere di gare di velocità su strada. Si tratta del primo accertamento di questa tipologia di reato previsto dal codice della strada finora mai contestato in provincia di Arezzo. Stando a quanto ricostruito i conducenti di un’auto Toyota GT86, e di due moto, una Honda CBR 1000 e una Suzuki DR 400, debitamente modificate, in ben due occasioni tra agosto e settembre, si sarebbero sfidati a vicenda dando origine ad una sorta di rappresentazione della saga cinematografica ‘’Fast and Furius’’. I tre, secondo il dispositivo di citazione a giudizio, “in condizioni di traffico intenso per il periodo turistico, gareggiavano in velocità violando reiteratamente le norme di comportamento del codice della strada”. L’indagine diretta dal pm Angela Masiello è stata svolta attraverso appostamenti con l’impiego di oltre 10 telecamere, telelaser, l’istallazione di sistemi di localizzazione telefonica e satellitare, pedinamenti, perquisizioni, analisi di materiale informatico ed indagini sui social. Successive analisi hanno consentito di rintracciare anche audio e video pubblicati nei social e conservati in memoria nei telefoni degli indagati, attestanti altri episodi del tutto analoghi a quelli contestati, verificatisi sempre in provincia di Arezzo, a riprova dell’abitudine dei tre a comportamenti del genere.

Condividi l’articolo

Vedi anche: