Sequestrata una parte della diga di Montedoglio

A seguito di una complessa indagine condotta dai Carabinieri Forestali della Stazione di Sansepolcro e del Gruppo ambiente della Procura di Arezzo, un’ intera area della diga di Montedoglio, attualmente interessata dai lavori di ricostruzione dello scarico di superficie collassato la notte del 29 dicembre 2010 e’ stata sottoposta a sequestro preventivo e con essa anche alcuni impianti della Valtiberina per gestione illecita di rifiuti speciali e reati di falso.
In particolare le terre e rocce provenienti dagli scavi del citato scarico venivano sottratti dalla disciplina dei rifiuti mediante false certificazioni e destinati a finalità diverse da quelle previste. A seguito del sequestro i lavori presso la Diga sono stati parzialmente interrotti.

Le indagini sono tutt’ora in corso per identificare Le varie responsabilità delle ditte che a vario titolo hanno operato nell’area della Diga. Il sequestro di parte dell’invaso essendo del demanio e’ stato eseguito nei confronti dell’ente proprietario.

Condividi l’articolo

Vedi anche: