RSA, lo Spi Cgil chiede verifica delle responsabilità e nuovi modelli di assistenza agli anziani  

Le Rsa si stanno confermando in Italia i punti critici nell’assistenza agli anziani non autosufficienti. Per dimensioni, per modalità di gestione, per diffusione e potenzialità dei rischi. Ovviamente ci sono le eccezioni e da qui bisogna ripartire per costruire nuovi modelli di Rsa.

Oggi più di ieri è il momento di rafforzare – sostiene Spi Cgil – la prevenzione, la medicina del territorio e la integrazione socio sanitaria. Spi Cgil chiede che sia istituita una task force di medici,infermieri,esperti di igiene e psicologi per la gestione della emergenza nelle strutture sia pubbliche che private. Inoltre devono essere messi in sicurezza i responsabili sanitari, organizzativi e tutti gli operatori attraverso tamponi a tutti gli utenti e operatori  per individuare i contagiati, gli asintomatici e negativi. Senza dimenticare una periodica sanificazione.

“In questa fase è inoltre fondamentale consentire la comunicazione  tra ospiti e familiari con informazioni chiare ed esaustive attraverso ogni mezzo informatico e tecnologico oggi utilizzabile. In Toscana questa strada è stata intrapresa e si cominciano a vedere alcuni primi  risultati. Questa drammatica esperienza deve servire a realizzare servizi migliori. E il punto di partenza è la chiara individuazione della responsabilità: lo SPI Cgil nazionale ha intenzione di costituirsi parte civile a garanzia di tutti quegli anziani ricoverati in quelle RSA dove venissero evidenziate colpe nella gestione dell’emergenza” conclude la nota stampa.

Condividi l’articolo