Rondine, Vaccari racconta l’esperienza dei venti ragazzi rimasti alla Cittadella, Segre ad ottobre

Per giugno era in programma l’incontro con Liliana Segre che avrebbe chiuso la sua lunghissima campagna di sensibilizzazione tra i giovani a Rondine ma l’emergenza coronavirus ha interrotto il nostro cammino. Ora stiamo lavorando affinché l’incontro si possa fare ad ottobre”. Lo ha detto il presidente della Cittadella della Pace di Arezzo Franco Vaccari in diretta durante lo spazio tv e social gestito dal sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. Vaccari ha poi raccontato l’esperienza di venti giovani provenienti da ogni parte del mondo dello studentato che hanno deciso di affrontare la quarantena e i limiti imposti dal lockdown a Rondine. “Ci siamo dovuti fermare con la didattica dello studentato internazionale – ha detto Vaccari – quattro studenti sono andati a casa per calmare la preoccupazione delle famiglie ma il grosso è rimasto ed ha affrontato in maniera corretta l’esperienza. I ragazzi hanno vissuto accontentandosi dello stretto necessario. Ci siamo tenuti uniti tuttavia attraverso i social e la rete ed ora stiamo lentamente riprogrammando l’attività. Di sicuro è un’esperienza dalla quale usciremo piu’ forti”. Tra le varie iniziative portate avanti, anche un video per sostenere l’ospedale di Arezzo. 

Condividi l’articolo