Rimborsi trasporti, Federconsumatori scrive alla regione

Trasporti, Federconsumatori Toscana scrive alla regione affinché si attivi con i gestori del trasporto pubblico locale per chiedere rimborsi ai cittadini per gli abbonamenti del mese di marzo.

«La situazione che si è venuta a creare in Toscana – si legge in una nota di Federconsumatori – comporta una perdita in termini economici non solo per i lavoratori che non si recano fisicamente presso la sede lavorativa, ma anche per gli studenti che a causa della chiusura degli istituti scolastici non hanno usufruito del titolo di viaggio e che, sicuramente almeno fino al 3 aprile 2020, non ne potranno in ogni caso beneficiare.

Federconsumatori Toscana intende, dunque, richiedere la predisposizione di idonei strumenti di ristoro per le famiglie «anche e soprattutto in considerazione del fatto che, non potendo godere dei servizi offerti nel mese di marzo 2020 a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 e, considerando le disposizioni predisposte sul punto dal governo, decade, a tutti gli effetti, il contratto di trasporto nel periodo di forzata permanenza domiciliare».

Condividi l’articolo

Vedi anche: