Regione, sfida a sette per la Presidenza della Toscana

Regione Toscana , una sfida delicata e di rilievo nazionale differiscono i contendenti. 7 i candidati e gli aspiranti al trono potrebbe favorire il ritorno alle urne con i supplementari del ballottaggio. Per la Toscana la sfida è salita di tono negli ultimi giorni. Il centrosinistra difende una posizione di comando che dura dal 1970. Eugenio Giani da tempo aveva preparato questa candidatura dopo le esperienze in consiglio comunale a Palazzo Vecchio e in regione a Palazzo Panciatichi dove ha diretto i lavori dell’assemblea. Politico sportivo, amante dei tuffi in Arno il primo dell’anno, ha girato tutti i comuni della regione. Resta memorabile la sua destrezza nell’eludere il servizio di sicurezza proprio a Palazzo Vecchio nel corso della visita di Obama.

Il centro destra gli contrappone Susanna Ceccardi, già sindaca di Cascina e parlamentare europea. Battagliera quando basta, ha usato toni soft in questa campagna elettorale dove ha cercato di non farsi sovrapporre dalla figura del leader maximo della Lega Matteo Salvini. In Piazza delle Repubblica ha omaggiato anche il suo avversario. E pensare che il duello era iniziato con una battuta sessista di Giani che fece gridare allo scandalo.

Tommaso Fattori di Toscana a Sinistra e la pentastellata Irene Galletti saranno gli outsider di una partita che vede in campo anche Tiziana Vigni che porta in dote le battaglie ambientaliste e della libertà di scelta. Sia Fattori che la Galletti sono reduci da cinque anni di opposizione alle giunta Rossi. Una esperienza che li ha visti scontrarsi soprattutto su temi caldi come diritti, sanità e ambiente. Chiudono il conto i due candidati comunisti. Uno è Marco Barzanti che si presenta con il simbolo simile al vecchio Pci e che si differisce per dei dettagli minimi. L’altro è Salvatore Catello del Partito Comunista che ha in Marco Rizzo il suo punto di riferimento nazionale. Stessa matrice ma differente visione. E tra i due cugini della falce e martello non sono mancati i colpi bassi.

Condividi l’articolo