Rave Party a Poti, carabinieri irrompono in un raduno non autorizzato. Manette per spacciatore

Forse hanno saputo che da più parti si propone di rilanciare quella che un tempo era chiamata la Montagna degli aretini. Oggi il degrado e l’abbandono sono davanti agli occhi di tutti, nonostante il recehte passaggio del Giro d’Italia che tre anni fa regalo’ un grande spettacolo al mondo. Stiamo parlando dell’Alpe di Poti dove i carabinieri hanno interrotto ieri un Rave Party  dove droga e spaccio sono stati il tra de union. I carabinieri hanno saputo dai social network che nella località di Alpe di Poti era in corso di svolgimento un rave party, hanno perlustrato l’area fino a quando la loro attenzione non è stata attirata da alcune autovetture e camper parcheggiate nei pressi della fabbrica dismessa Fontemura.

Avvicinandosi, hanno poi potuto sentire che dal capannone proveniva musica ad alto volume. Tre pattuglie con l’ausilio di una volante della Polizia di Stato della Questura di Arezzo hanno cinturato l’area ed hanno sottoposto a controllo i presenti, tutti giovanissimi ed originari della provincia di Grosseto, molti dei quali sono risultati essere conosciuti alle Forze dell’Ordine per avere partecipato ad analoghi eventi.

Condividi l’articolo

Vedi anche: