Polizia postale, cresce l’attività della sezione aretina: il bilancio di un anno

In un panorama sociale ove l’innovazione tecnologica incide notevolmente nel nostro agire quotidiano, l’attività della Polizia Postale di Arezzo nell’anno 2019 è stata rivolta principalmente alla prevenzione e al contrasto della criminalità informatica.

L’impegno costante nell’ambito del contrasto alle truffe on line, alla diffamazione sul web e alla clonazione di carte di pagamento, in forte aumento con la ricezione di 642 denunce, ha visto incrementare di oltre il 100%  il numero dei denunciati all’Autorità Giudiziaria: dai 60 nell’anno 2018 agli attuali 125.

Numerose sono state le attività di perquisizione nell’ambito della pedopornografia e della pornografia, anche in collaborazione con la locale Squadra Mobile, che ha consentito il sequestro di copioso materiale informatico: pc, tablet, smartphones, cellulari, hard disk ecc. e il deferimento all’A.G. sia di minori che di adulti.

Di particolare rilievo è stata l’attività di sequestro, di oscuramento di spazi web e di  acquisizione di file svolti presso importanti provider presenti in questa realtà provinciale.

In esponenziale aumento è il financial crime, attraverso l’utilizzo di malware da parte di organizzazioni criminali che si intromettono nei rapporti commerciali delle aziende, veicolando somme in denaro presso conti correnti nella disponibilità dei malviventi.

Costante è stata la collaborazione con enti istituzionali relativi ad attacchi da parte di hacker nell’utilizzo dei servizi internet che ha consentito di rafforzare gli strumenti di tutela e di sicurezza. 

La Polizia Postale di Arezzo è impegnata, ormai da diversi anni, in attività di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli connessi all’utilizzo della rete internet, dedicate soprattutto alle nuove generazioni. 

Attività che ha permesso di incontrare oltre 1400 studenti, 120 genitori, 118 insegnati     nella città e provincia di Arezzo. Consentendo di illustrare sia le opportunità del web che i rischi di cadere nelle tante trappole esistenti da parte dei predatori della rete, nonché rivolto al fenomeno del cyber-bullismo e tutte le forme distorte dell’utilizzo dei social network e delle applicazioni WhatsApp, Telegram ecc.

Di notevole importanza è l’utilizzo del portale del Commissariato P.S. on line che è divenuto un punto di riferimento specializzato per chi cerca informazioni, consigli, suggerimenti e l’attività di informazione quotidiana ed incessante fornita dalla Sezione Polizia Postale alla collettività.  

Incessante e fruttuosa la sinergia esistente tra la Questura di Arezzo e la Sezione Polizia Postale nell’ambito del raccordo sia info-investigativo sia di quello tecnico/ operativo.  

Condividi l’articolo

Vedi anche: