Ogni Asl avrà un coordinatore per la terapia intensiva, la decisione del Governatore Rossi

Tre coordinatori, uno per ogni Asl territoriale, avranno il compito di organizzare al meglio l’utilizzo dei posti di terapia intensiva in tutti gli ospedali delle rispettive aree vaste e in casi di necessita, attraverso il Cross di Pistoia, anche oltre i confini delle singole aziende. E’ questa la decisione presa dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, annunciata tramite la sua pagina Facebook.

I tre responsabili saranno i dottori Adriano Peris per la Asl Toscana Centro, Ferdinando Cellai per la Nord Ovest e Marco Feri per la Sud Est. Loro sarà il compito di far funzionare al meglio un “sistema di vasi comunicanti”, così lo ha definito il presidente, che consenta di utilizzare nella maniera più efficiente i posti di terapia intensiva presenti in Toscana. “E’ un’ opera – ha ricordato Rossi – che sarà resa più facile anche dalle caratteristiche dei nuovi ospedali toscani, con la loro capacità di trasformare i letti in postazioni di terapia intensiva.

Dal 24 marzo prendono il via anche i test sierologici sul personale sanitario: “saranno 25 mila – ha detto – i medici, infermieri e operatori coinvolti”. Protagonisti di quella battaglia che si sta combattendo negli ospedali toscani e che il presidente ha ancora una volta voluto ringraziare per il loro impegno e sacrificio.

Condividi l’articolo

Vedi anche: