Terremoto, due aretini a Marrakech

Barbara Perissi

Era il regalo di compleanno che mia moglie Piera mi aveva fatto, siamo qui da quattro giorni. Ieri sera siamo rientrati in albergo alle 23. Poi, dopo poco, tutto è iniziato a tremare accompagnato da un forte boato. Abbiamo preso le cose essenziali e siamo usciti dopo la scossa”. Massimo Rossi, ex imprenditore orafo, è in pensione come la moglie, risiede in un quartiere periferico di Arezzo e la vacanza in Marocco era il regalo più bello che potesse ricevere per il compleanno. “Ora siamo davanti all’albergo che si trova nella Medina nuova e non ha riportato lesioni. Abbiamo fatto tuttavia un giro nella Medina vecchia che risale al 1200 e che è praticamente distrutta. Siamo rimasi molto male. Adesso cerchiamo di ripartire ma ci hanno detto che prima di mercoledi sarà praticamente impossibile”. Il terremoto ha fatto saltare anche una gita nel deserto. “rinunciamo perchè le comunicazioni sono interrotte, siamo talmente felici di essere vivi che non vogliamo rischiare nulla. Le comunicazioni sono difficili, ci sono un sacco di frane, non vogliamo rischiare nulla nè intralciare i soccorsi”. YW

TELETRURIA 2000 S.r.l. – Case Nuove di Ceciliano 49/4, 52100 Arezzo (AR) – info@teletruria.it | P.IVA-00168900512 | Cap. Soc. € 240.000

© 2024 Teletruria. Tutti i diritti riservati. Powered by Rubidia

TELETRURIA 2000 S.r.l. – Case Nuove di Ceciliano 49/4
52100 Arezzo (AR) – info@teletruria.it
P.IVA-00168900512 | Cap. Soc. € 240.000
© 2024 Teletruria. Tutti i diritti riservati. Powered by Rubidia