Mugnai, CGIL, sul decreto “Cura Italia”: “Arezzo faccia sistema”

Il decreto del Governo che mette a disposizione del Paese 10 miliardi per il lavoro e oltre 3 miliardi per la sanità e che si concentra principalmente su sostegno al reddito, welfare e ammortizzatori sociali, liquidità per famiglie e imprese, sospensione e rinvio di tasse, incentivi alle attività produttive, assunzioni e investimenti nella pubblica amministrazione, pone, secondo il Segretario della Cgil aretina, Alessandro Mugnai, un’opportunità concreta per il territorio aretino capace di generare produttività e rafforzare la sicurezza nei luoghi di lavoro.

“Se prima del Covid 19 eravamo preoccupati per la sanità e per l’economia aretina, adesso siamo ben oltre il livello di preoccupazione – commenta il Segretario della Cgil aretina, Alessandro Mugnai. Assistiamo allo sforzo eccezionale, fatto di professionalità e passione, degli operatori sanitari. E vediamo lavoratori e imprenditori in ansia per l’oggi ma soprattutto per il domani, quando dall’emergenza si dovrà passare ad una sorta di “ricostruzione” di ormai lontana memoria.

Mugnai invita quindi imprese e istituzioni locali a fare sistema per poter utilizzare al massimo ogni opportunità derivante dai decreti governativi. “La situazione è gravissima in ogni settore. Siamo certi che una ripresa è possibile e che si possa delineare un nuovo modello economico e sociale per Arezzo. Ma bisogna farlo insieme. E presto”.

Condividi l’articolo