Moser a Castiglion Fibocchi

Il Grande campione Francesco Moser ha salutato i cittadini di Castiglion Fibocchi e tutti gli amanti del ciclismo.

Con un pomeriggio di ricordi del grande campione organizzato dall‘Amministrazione comunale in Collaborazione con il

GS Acli e l’associazione del Carnevale dei Figli di Bocco, Francesco Moser ha raccontato ai tanti amanti del ciclismo presenti presso la palestra comunale la sua carriera, le sue vittorie, i suoi amici/nemici in strada per finire alla grande rivalità con Giuseppe Saronni.

E poi ancora la sua vita di oggi da campione ad imprenditore vitivinicolo nella sua terra trentina che lo ha portato nell’aretino in questi giorni ospite della Fraternita dei Laici per una degustazione di vini. Ha parlato dell’importanza dello sport nelle giovani generazioni, dell’importanza di costruire circuiti ed impianti sicuri perché il ciclismo si fa su strada e i bambini lo dovrebbero praticare nella massima sicurezza. Provocato dall’assessore allo sport Rachele Bruschi ha raccontato ai bambini ciclisti presenti l’importanza anche di saper accettare le sconfitte e dei sacrifici che il ciclismo richiede a chi lo pratica. Nel corso del pomeriggio è stato ricordato dall’assessore Eduardo Ferrini e dall’imprenditore Pasquale Morini, personaggio fondamentale per il Ciclismo locale giovanile, il ciclista Castiglionese Mario Zanchi professionista ai tempi del campione che lo stesso Moser conosceva.  Alla conclusione della giornata i giovani atleti del Pedale Toscano Ponticino hanno omaggiato il campione con una maschera del Carnevale dei Figli di Bocco ricordo da parte di tutti i cittadini Castiglionesi. Il Sindaco Marco Ermini, ottimo padrone di casa insieme al primo rettore della Fraternita dei Laici Prof. Pierluigi Rossi,  ha colto l’occasione per invitare il grande campione al famoso carnevale. Ha moderato l’incontro il giornalista sportivo gran conoscitore  di Ciclismo Fausto Sarrini

Condividi l’articolo

Vedi anche: