Maxi truffa

Era un’organizzazione «piramidale» quella smantellata dalle indagini della Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Monza, che ha portato oggi all’arresto di otto persone, diretta da un professionista titolare delle quattro società dediti alla frode di ignari investitori, tra cui il «Nidalina Group», ai quali con falsi contratti di investimento in allevamenti di animali o società di noleggio auto, sono stati frodati circa 20 milioni di euro. Della vicenda si era occupata anche la trasmissione televisiva «Striscia La Notizia», che nel 2018 aveva raccontato di circa 700 dei truffati per mano della stessa organizzazione, convinti ad investire circa 15 mila euro in un allevamento di bovini ad Arezzo, con la promessa di un interesse del 7% mensile. Dopo due anni di truffa senza limiti, le prime due società con sede in provincia di Monza sono fallite, facendo partire l’inchiesta.

Condividi l’articolo