Marito violento e padre padrone, denunciato ad Anghiari

 

Continuo l’impegno dei Carabinieri nel contrasto alla violenza di genere, teso a contrastare episodi di duratura sofferenza e prostrazione anche psicologica delle vittime. Mesi di soprusi, minacce e violenza, la vita di una madre e di una figlia sull’orlo del baratro. Vittime di un marito feroce, di un padre aggressivo.  Impaurite e senza certezze si rivolgono ai Carabinieri del Comando Stazione di Anghiari che avviano un’attività d’indagine d’iniziativa per far luce e trovare riscontri utili per procedere nei confronti dell’uomo. I militari, in modo minuzioso e articolato ricostruiscono un anno di percosse e maltrattamenti, comportamenti ostili, minacce di morte rivolte alla figlia e varie vessazioni. Denunciano il padre padrone, scandagliando ogni singolo episodio utile, al fine di scongiurare conseguenze ulteriori, riuscendo a porre fine ai tormenti delle vittime. Al momento la donna e la minore sono al sicuro, domiciliano lontane dal loro aguzzino, sperando in un destino migliore.

Hashish e un coltello in tasca: denunciato un giovane

Anghiari I Carabinieri della Stazione di Anghiari hanno sorpreso in tarda serata 4 giovani all’interno di un parco pubblico che non hanno saputo fornire giustificazioni riguardo la loro presenza in quel luogo, perquisiti, i militari hanno inoltre rinvenuto su uno dei 4, dieci grammi di sostanza stupefacente e un coltello di 25 cm. Il giovane è stato segnalato ai sensi dell’art. 75 L.103 del D.P.R. 309/1990 per possesso di sostanze stupefacenti e denunciato per porto d’armi od oggetti atti a offendere. I giovani sono stati tutti sanzionati per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità in relazione al D.P.C.M. 25/03/2020 – misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Condividi l’articolo

Vedi anche: