Libri a domicilio

Non solo cibo e abiti ma anche libri a domicilio perfettamente sanificati e consegnati dopo un’assoluta quarantena. Un’iniziativa importante per cercare di non perdere il contatto con la lettura che, in tempi di isolamento, puo’ aiutare a non sentirsi soli. Sotto questo profilo le biblioteche della Rete documentaria aretina, per un totale di 18 compresa la Biblioteca Città di Arezzo, hanno attivato un nuovo servizio di prestito a domicilio. Il servizio è offerto gratuitamente a tutti i cittadini, con particolare attenzione per gli over 65 e per gli studenti universitari che necessitano di testi per lo studio. Grazie a questa iniziativa – sottolinea il vicesindaco e assessore alle politiche sociali Lucia Tanti – cultura e sociale camminano ancora una volta di pari passo. Per accompagnare verso una crescita culturale che assuma anche un importante significato di dignità e attenzione. Il fatto che non sia possibile accedere fisicamente ai locali della biblioteca non ci ha spaventato o lasciato inerti: coerentemente con le disposizioni attuali che obbligano tutti a limitare al massimo le uscite dalla propria abitazione, saranno le biblioteche a venire direttamente a casa. Come si accede al servizio? Scopri se il documento che cerchi è disponibile nel catalogo online delle biblioteche aretine: arezzo.biblioteche.it
Contatta la biblioteca che si trova nel tuo Comune o, in mancanza, quella che ti è più comoda. Per la Biblioteca Città di Arezzo: 0575377904. Occorre essere iscritti alla biblioteca ma se non si è iscritti, è possibile farlo al momento della richiesta del prestito. In pochi giorni il materiale sarà recapitato direttamente a casa senza alcun costo. È possibile richiedere libri di narrativa, saggistica sia per adulti che per bambini, multimediali in dvd, cd e blu-ray e audiolibri. La durata del prestito per i libri è di trenta giorni, mentre per i multimediali di sette, ma per entrambi è previsto il rinnovo del prestito due volte. Stiamo parlando – prosegue Lucia Tanti – di un servizio in assoluta sicurezza, grazie alla quarantena a cui viene sottoposto tutto il materiale. Anche la preparazione e la consegna dello stesso avviene nel rispetto delle misure attuali, ovvero all interno di buste di plastica e qui andrà riposto al momento della riconsegna, secondo gli accordi presi con la propria biblioteca o quando la stessa potrà riaprire al pubblico.

Condividi l’articolo