L’assessore Tanti chiarisce sul confronto con la ASL

“Alla mia presenza si è parlato delle informazioni sui cittadini positivi decidendo di mantenere per i Sindaci la comunicazione anche sul livello provinciale che ci stava per essere negata” – con queste parole l’assessore Tanti esordisce nella sua nota stampa.

“Il 24 aprile ho partecipato ad una videoconferenza nella quale, grazie anche all’assessore Saccardi, è stato finalmente messo un punto fermo sulla prima “questione dati” dopo che per ben due volte si intendeva negare ai Sindaci le informazioni del dato aggregato provinciale, tentativo di negazione per altro non ascrivibile al direttore D’Urso. La questione da dirimere in quella sede fu se i Sindaci erano nel diritto di ricevere, come fin dall’inizio, anche i dati dei cittadini positivi, oltre che del loro Comune, pure della provincia di riferimento. Noi dicevamo di sì, altri avevano la volontà di impedire questa informazione, per altro in maniera incomprensibile.

In quella occasione, finalmente, si è messo un punto fermo: i Sindaci avrebbero continuato a ricevere anche i dati della provincia. Ebbi a dire che ero contenta e che trovavo di buon senso mantenere questo “vecchio” modello di informazione. In quella sede non siamo entrati nel merito dettagliato dell’invio di altri flussi di dati sui tamponi e tutto ciò che ad essi si collega, proprio alla luce di quello che il direttore ci ebbe a dire e cioè che vi erano state fin dall’inizio criticità strutturali proprio sul processo dei tamponi stessi. Criticità che avevano causato ritardi nella lettura dei tamponi e quindi anche nella comunicazione dei risultati. Ci è stato chiesto di rinviare il tema ad un aggiornamento al momento in cui queste criticità fossero state definitivamente risolte, dopo che erano state messe in campo azioni correttive, risalenti per altro ad una comunicazione del Venerdì Santo.

Criticità che danno la misura di un sistema ancora parecchio zoppicante nel merito della questione. In quella sede, infatti, si è trattato sia il tema circa il tempo del processo, sia la mancata comunicazione ai cittadini risultati negativi: non solo, non sono informati dell’esito, ma tale esito, peraltro, non finisce nemmeno nel fascicolo sanitario. Il direttore stesso ha testualmente fatto riferimento a “criticità in via di superamento”. Ecco, vediamo di superarle perché non si tratta di dettagli, essendo ormai nella Fase2. Quello che il Sindaco ha richiesto – e da tempo – sono dati su: tamponi richiesti, tamponi processati, esito degli stessi – negativi e positivi- circa i quali dati, ancora al 24 aprile, non si era definitivamente individuata una soluzione, né per i Sindaci né per i cittadini che, appunto, sul merito ricevono solo il 50% della informazione a cui avrebbero forse diritto.

Quindi non mescoliamo le mele con le pere, come diceva la mia nonna materna – donna saggia e di tradizione contadina quindi parecchio concreta –  perché qui nessuno ha inteso affondare il coltello sulle evidenti criticità che da tempo si registrano proprio sul tema del processo di lavorazione e di comunicazione circa i tamponi, problema però che al 24 aprile era ancora in via di risoluzione e che forse lascia aperti punti oscuri che riguardano non solo i sindaci, ma anche i singoli cittadini. Consapevoli tutti degli sforzi che stiamo facendo è innegabile che sulla questione tamponi rimangono sul tappeto incertezze eccessive che vanno decisamente risolte”.

 

Condividi l’articolo

Vedi anche: