Lapide per i morti senza funerale

Una lapide a memoria di tutti i cittadini morti nel periodo del lockdown per i quali non è stato possibile fare i funerali. E’ stata affissa al cimitero di Castiglion Fiorentino (Arezzo) per volere dell’amministrazione comunale. “A perenne ricordo dei miei concittadini defunti da marzo ad aprile di quest’anno a cui non fu possibile celebrare neanche i funerali e per i quali non furono affissi neanche i manifesti funebri a causa del lockdown ho deciso di dedicare loro una lapide all’ingresso del cimitero del capoluogo. Mi auguro fortemente che non sia più riproponibile una misura restrittiva del genere, disposta da qualunque Presidente del Consiglio o Governatore di turno. L’estremo saluto ai nostri cari rivolto in qualunque forma è un diritto di cui nessuno ci dovrà privare”. Così il sindaco Mario Agnelli. Nei mesi scorsi il sindaco, in accordo con i parroci, aveva firmato un’apposita ordinanza nella quale venivano indicate le chiese più capienti e gli spazi aperti più idonei dove poter celebrare i funerali religiosi al fine di renderli sempre e comunque possibili.

Condividi l’articolo