La Cava paga la rata di febbraio: sospiro nell’Arezzo

Era il primo appuntamento importante. E Giorgio La Cava si è confermato un presidente passionale e puntuale. E’ cosi’ da quando decise di firmare quel bonifico in Tribunale che dette il là alla battaglia totale. Sono passati due anni e di questi tempi i passaggi sono sempre fondamentali. Da tempo le voci di un possibile passaggio di consegne in società si moltiplicano. La Cava ha sempre detto che di questo ne dovremo parlare solo ci si presenta davanti ad un notaio e si firmano gli atti necessari. Giusto cosi’. Intanto ci sono da risolvere dei passaggi fondamentali. Il primo era il più importante di tutti. Della serie. Se non paghi vai fuori. E La Cava ha pagato, onorando gli impegni che ha preso. Sarà bizzarro, sarà eccentrico, sarà passionale, ma è una persona che da garanzie. Ora certe cose le potrà gestire ancora con più convinzione. E se poi la squadra sul campo migliora il suo score, si può dire che La Cava è il Presidente più “ganzo”, per dirla alla aretina, che abbiamo conosciuto in questi anni.

Condividi l’articolo