Indetto sciopero nazionale della Pm

E’ indetto per sabato 15 gennaio lo SCIOPERO NAZIONALE DELLA POLIZIA LOCALE ITALIANA, che avanza nuovamente richieste verso il Governo, le Regioni e gli Enti Locali, con presidi presso le prefetture di tutta Italia.

BASTA CON LE DISCRIMINAZIONI NEI CONFRONTI DELLA POLIZIA LOCALE, così si legge nel comunicato lanciato dalle sigle sindacali.

“Noi lavoriamo con una legge ormai obsoleta risalente al 1986 – spiega Davide Frondaroli segretario per la provincia di Arezzo del Sulpl – la riforma a cui si sta lavorando adesso non ci soddisfa perchè stravolge le precedenti proposte, peggiorando di fatto l’attuale contratto di lavoro. Nel tempo – prosegue Frondaroli – le mansioni delle forze della polizia municipale sono cambiate, ma siamo rimasti inquadrati come dipendenti pubblici. In più,si legge nella nota stampa, con il COVID la PL è stata schierata sempre in prima linea, sia nella fase iniziale della pandemia sia per il controllo del Green Pass.

“Con la normativa attuale – conclude Frondaroli – si crea poi troppa disparità di trattatamento tra i diversi corpi di polizia municipale nei vari comuni italiani. Diversamente dalle altre nazioni europee, non c’è uniformità di trattamento: in alcuni comuni la municipale è fanalino di coda dell’amministrazione in altre è molto valorizzata”. Per la provincia di Arezzo e per tutta la Toscana il prossimo 15 gennaio è stato quindi organizzato un presidio presso la prefettura di Firenze.

Condividi l’articolo