Incentivi per le edicole

Contrastare la crisi del comparto edicole. Questa la finalità dell’atto di indirizzo approvato stamani dalla giunta, con cui si prevede di migliorare il servizio al consumatore. Le edicole potranno erogare servizi di interesse pubblico (pagamenti ticket, acquisto e prenotazioni biglietti), commercializzare prodotti di promozione turistica e culturale del territorio (a esclusione dei prodotti alimentari), distribuire materiale turistico gratuito messo a disposizione dal Comune o da altri enti pubblici e fornire informazione di carattere turistico e di pubblica utilità.

“Stavamo studiando da tempo queste misure – ha spiegato l’assessore alle attività produttive, Marcello Comanducci. Le edicole svolgono una funzione di interesse pubblico e devono continuare a essere un luogo d’informazione tramite una progressiva modernizzazione. In questi ultimi mesi ho ricevuto decine di richieste di aiuto, alcune edicole hanno già chiuso e altre sono in difficoltà, per questo motivo abbiamo pensato anche a un allargamento delle attività e alla riduzione del canone di suolo pubblico”.

E’ infatti in via di adozione, da parte del consiglio comunale, una modifica al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, che prevede una riduzione dei coefficienti Cosap per tutti i chioschi e le edicole di Arezzo.

“Nel mese di gennaio – ha aggiunto Comanducci – l’amministrazione ha relazionato alle associazioni di categoria sui mutamenti socio economici che hanno portato alla crisi del comparto edicole e quindi sulla necessità di intervenire a loro sostegno. Da questa concertazione siamo arrivati all’atto di indirizzo di oggi, che mi auguro possa contribuire a rilanciare l’attività di importanti punti di riferimento per la nostra città”.

Condividi l’articolo

Vedi anche: