Il caso Coingas apre quello di Multiservizi: Amendola rimette il mandato. Nei guai anche Bardelli e Roggi

La bufera giudiziaria che ha coinvolto due presidenti di partecipate e un consigliere comunale della maggioranza del comune di Arezzo, conosce il primo atto politico: Luca Amendola, il presidente di Arezzo Multiservizi, la società che gestisce l’attività cimiteriale ha rimesso il mandato nelle mani del sindaco. Coinvolti anche Lorenzo Roggi, attuale presidente di Arezzo Casa e Roberto Bardelli, consigliere del gruppo misto. nel corso dell’indagine per le consulenze legate a Coingas, è comparsa nel pc dell’ex amministratore unico Staderini una cartella dove era registrata una conversazione tra Bardelli e Roggi. Dal colloquio spiccava la richiesta dello stesso Amendola della nomina al vertice della società. In ballo 200mila euro che sarebbero stati destinati allo stesso Bardelli. Vicenda assai contorta che i magistrati chiederanno ai diretti interessati di chiarire. Politicamente è una bomba contro l’attuale maggioranza di centrodestra  che governa Arezzo dal 2015.

Condividi l’articolo