Giuseppe Fanfani è stato nominato garante regionale dei diritti dei detenuti

Con 6 voti favorevoli Giuseppe Fanfani è stato indicato dalla commissione Affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani (Pd), come il nuovo garante regionale dei diritti dei detenuti. La proposta di delibera, votata a scrutinio segreto con 6 sì, due schede bianche e un voto a Francesco Ceraudo, passa all’ordine del giorno della prossima seduta del Consiglio regionale. “Avevamo già ampiamente analizzato in commissione le otto autocandidature pervenute– ha detto Bugliani, ricordandone i nomi- :  Roberto Bocchieri, Francesco Ceraudo, Sofia Ciuffoletti, Giuseppe Fanfani, Paola Foti, Bianca Maria Giocoli, Saverio Migliori, Emilio Santoro”. “Quella fatta è una votazione importante – prosegue il presidente  –  che va ad individuare una delle principali figure di garanzia del nostro ordinamento regionale”. Bugliani ha ricordato che il dibattito si era già aperto “a fine gennaio, quando è venuto meno il mandato di Franco Corleone, dopo un mese circa di ‘vacatio’ del ruolo si è deciso di arrivare alla designazione” e che il mese trascorso “è servito per valutare l’opportunità di una convergenza quanto più larga possibile da parte delle forze politiche: questo tentativo di unanimità non è andato a buon fine e quindi si è optato per una scelta a larga maggioranza”. Bugliani ha ribadito che “per la figura di garante dei detenuti è richiesta una competenza consolidata in ambito giuridico e, da questo punto di vista, la figura di Giuseppe Fanfani è di assoluto rilievo, anche perché ha ricoperto il ruolo chiave di vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura”.

Condividi l’articolo

Vedi anche: