Giovani e alcol, la rabbia degli esclusi

Il brutto episodio del giovane che ha lanciato una bottiglia ad un vigile non si giustifica. Certo, spiega il primario del Serd Becattini, fa parte della rabbia accumulata nei mesi di pandemia. Scartare questi giovani è sbagliato, vanno incanalati in progetti sociali e culturali sui quali Comune e Asl stanno lavorando.

Condividi l’articolo