Forza Italia: sulla riapertura Cgil contraddittoria

 

Tutti gli esponenti politici del nostro territorio, senza distinzione di bandiera politica, si stanno impegnando trasversalmente al fine di fare riaprire prima possibile le nostre aziende, con tutte le indispensabili precauzioni sanitarie del caso, visto che gli imprenditori sono i primi che intendono tutelare la salute dei lavoratori. Resto stupefatta dai sindacati che credono di difendere la voce dei lavoratori, ma che ormai rappresentano solo se stessi e le proprie poltrone e che, adesso che il governo sta decidendo di dare un’opportunità per riattivare il lavoro, si mettono di traverso in modo demagogico e poco concreto al solo scopo di avere qualche pagina in più sui giornali locali”. Così, in una nota, la deputata di Forza Italia Erica Mazzetti.

“L’impegno dei sindacati e della Cgil – aggiunge – dovrebbe essere quello di lottare con il governo affinché la cassa integrazione arrivi in tempi congrui ai dipendenti invece di provare a impedire loro di tornare al lavoro. Il messaggio che stanno facendo passare è negativo per il sistema economico locale. Sarò sempre dalla parte di coloro che creano lavoro e di quanti vogliono lavorare e non dalla parte di chi aspetta solo sussidi da ‘Mamma Stato’ per vivere. Fare impresa oggi vuol dire avere coraggio, osare, talvolta anche con toni un po’ forti, ma sempre per garantire al sistema locale crescita economica e produttività, anche per tutelare le famiglie dei lavoratori e garantire loro un futuro più certo. Nessuno agisce mai contro qualcuno”.

“Nessuno degli imprenditori vuole essere contro la legge. Anzi i primi a voler essere ligi alle norme pur di riaprire subito sono le aziende stesse. Chi non capisce questo, come i sindacati di sinistra, lo fa soltanto come reazione automatica a una ideologia vecchia e perdente. Il Prefetto porta avanti la sua azione quotidiana di rappresentanza dello Stato sul nostro territorio ed è vergognoso come certi sindacati si siano attaccati a una sua posizione per usarla strumentalmente e a fini politici. Questo atteggiamento danneggia soltanto il clima di azione unitaria che dovrebbe esserci oggi in ogni comune toscano. Imprenditori, sindacati e Stato devono agire insieme. In modo coordinato e senza ostacolo alcuno”, conclude Mazzetti.

 

Condividi l’articolo