Fondazioni, arrivano le critiche

Sono molte le voci che si stanno pronunciando criticamente sull’istituzione delle Fondazioni che andranno a gestire istruzione e politiche sociali.

“Con il progetto della Giunta Ghinelli di costituire due nuove Fondazioni su istruzione e politiche sociali prosegue l’azione di svuotamento del Comune – scrive in una nota il gruppo Arezzo 2020 – Lo spezzettamento delle funzioni in tante gestioni separate ed esterne al Comune impedirà qualunque reale forma d’indirizzo e controllo da parte del Consiglio comunale e dei cittadini.

Arezzo 2020 propone dunque un’altra strada, partire dallo stato attuale delle politiche sociali e dai bisogni dei cittadini

Si è recentemente costituito anche il comitato Unione Donne per Arezzo, nato proprio per contrastare l’intenzione del Comune di Arezzo di trasferire i servizi educativi e i servizi sociali a una fondazione. Un progetto che, secondo il Comitato, esternalizza e privatizza due settori fondamentali del Comune: i servizi educativi (asili nido e scuole materne, con relative risorse e patrimonio) e i servizi sociali (su cui si concentrano milioni di euro).

Infine anche le Organizzazioni di Volontariato che fanno parte del Coordinamento Affidar hanno spiegato in una lettera la loro contrarietà alla creazione di una Fondazione per il sociale, riflettendo soprattutto sulla gestione dei minori non accompagnati.

Condividi l’articolo