Fase 2, in Prefettura tavolo tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro

Il Tavolo tecnico, riunitosi stamane in Prefettura si è occupato del tema della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro, con l’avvio della ripresa di gran parte delle attività produttive e commerciali. Il Prefetto, per implementare ulteriormente la forte sinergia già in essere tra tutti gli enti a vario titolo competenti, ha chiamato al confronto i vertici delle Forze di Polizia, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Direttore dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Direttore Provinciale dell’ INAIL ed il Responsabile dell’ Area Funzionale Prevenzione Igiene e Sicurezza Luoghi di Lavoro – Dipartimento della Prevenzione della Usl Toscana sud est.

Sono state, in particolare, approfondite le modalità di effettuazione dei controlli mirati a verificare l’attuazione, da parte dei datori di lavoro, delle procedure organizzative e gestionali contemplate dal Protocollo siglato tra Governo e Parti Sociali lo scorso 24 aprile, al fine di regolamentare le misure di contenimento e di contrasto del virus stabilite per gli ambienti di lavoro. E’ stata condivisa la necessità di seguire una metodologia efficace in grado di garantire interventi di controllo coordinati, di ottimizzare le operazioni di verifica, evitando duplicazioni o inutili sovrapposizioni presso le imprese.

I controlli in questa fase – è stato ribadito – sono un passaggio indispensabile per assicurare l’osservanza delle prescrizioni dettate per il contenimento e contrasto del virus e la sussistenza di adeguati livelli di protezione dei lavoratori, ma dovrà essere trovato il corretto bilanciamento tra esigenze sanitarie, tutela della salute del personale dipendente, ripresa delle attività economiche. In sostanza, l’approccio dei controlli dovrà essere ispirato a garantire il rispetto della legalità ma, allo stesso tempo, le imprese dovranno essere informate, assistite e guidate proprio per salvaguardare gli standard di sicurezza previsti dal citato Protocollo.

 

Condividi l’articolo