False notizie su covid e truffe

Da positivi richiamati dall’altoparlante che un giorno vengono collocati in un supermercato un giorno in un altro. Dal negozio che ha aperto e hanno fatto una maxi multa. Le notizie false o fake come vengono chiamate bin gergo abbondano senza pietà per chi sta davvero male o per chi ha necessità di informazioni precise. L’ingenuità di crederci è giustificata dal fatto che in questi tempi di restrizioni ci si appiglia a tutto senza remore. Occorre però fare attenzione, primo per evitare inutili catene sulle chat o sui social che generano polemiche e due per cadere in quelle che spesso oltre che false notizie sono anche truffe belle e buone che rischiano spesso di indurre chi riceve i messaggi farlocchi di fornire dati sensibili e ritrovarsi con conti svuotati. In questo caso occorre sempre avvisare le forze dell’ordine e ascoltare, per le informazioni, gli organi di informazione ufficiali.

Condividi l’articolo

Vedi anche: