Etruria, settimana di sentenza

In 24 a vario titolo sono sul banco degli imputati per i 200 milioni usciti da Bpel e non rientrati più: un patrimonio dissipato, secondo le pm Julia Maggiore e Angela Masiello che hanno chiesto condanne da sei anni e mezzo ad un anno. Bancarotta fraudolenta e bancarotta semplice su una serie di operazioni senza garanzie, distrattive e per lo più a favore di soggetti amici. Accuse fronteggiate con decisione dagli avvocati delle difese nel corso di un maxi processo durato due anni.

Venerdì nell’aula della Vela di recente sottoposta a lavori di restauro, mancherà uno dei 24 coinvolti: il professor Enrico Fazzini, ex presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Firenze, è morto durante l’estate. Ex consigliere di Bpel, è stato professore universitario e stimato tributarista, con incarichi di rilievo a livello nazionale.  pronunciare i dispositivi per i 23 imputati sarà il presidente Giovanni Fruganti, sulla soglia della pensione dopo una carriera intensa e brillante. Al suo fianco i giudici Ada Grignani e Claudio Lara. Davanti ai tre membri del collegio del tribunale, il dibattimento iniziato a settembre 2019 ha ripercorso la storia del tracollo della banca degli aretini, Banca Etruria, poi dissolta attraverso le fusioni.

Tra gli ex vertici, gli amministratori e i revisori dell’istituto di credito, c’è chi rischia una pena alta, di quelle che sforano il tetto per godere della sospensione condizionale. Carcere, in teoria. Ma di mezzo c’è l’appello.

Condividi l’articolo

Vedi anche: