Etruria, falso in prospetto il processo rimane ad Arezzo

Falso in prospetto, il processo rimane ad Arezzo. Lo ha deciso nel pomeriggio il giudice Stefano Cascone del Tribunale di Arezzo che ha poi fissato la prossima udienza al 20 di luglio. Il processo vede imputati i vertici di Banca Etruria, ovvero Giuseppe Fornasari, ex presidente dell’istituto di credito, Luca Bronchi, ex direttore generale, e David Canestri, responsabile del risk management che secondo l’accusa, rappresentata dal pm Julia Maggiore, avrebbero fornito un quadro non veritiero della situazione della banca inducendo Consob e risparmiatori in errore. Tra i testimoni chiamati in causa l’ex commissario Giuseppe Santoni e l’ispettore di Bankitalia Emanuele Gatti.

Condividi l’articolo

Vedi anche: