Ecologia ed economia unite per un progetto di rilancio dell’Alpe di Poti

Occorrono progetti di rilancio e di valorizzazione delle aree montane intorno alla città di Arezzo, a partire dal caso più emblematico: l’Alpe di Poti. A sostenerlo sono le Acli provinciali che rinnovano l’invito a prevedere interventi concreti per riportare la sicurezza ambientale nella “montagna degli aretini” e per rendere alla zona la dignità e il decoro dei decenni scorsi. L’Alpe di Poti è infatti la più celebre testimonianza del degrado dei territori montani lasciati in una condizione di abbandono, dunque le Acli si rivolgono agli enti e alle istituzioni locali per prevedere una strategia di interventi e di investimenti a lungo raggio coinvolgendo anche l’associazionismo per rendere nuovamente la montagna come un punto di riferimento per le famiglie aretine capace anche di stimolare l’avvio di nuove attività economiche.

Condividi l’articolo

Vedi anche: