Asporto, Marinoni attacca

“Il divieto di asporto dopo le ore 18 per i piccoli bar cala come una mannaia su migliaia di attività che finora hanno animato i nostri centri storici e i paesi. Non ha alcun senso dal punto di vista della sicurezza ed è evidente che sia solo un modo per scaricare sulle imprese l’incapacità dello Stato di gestire l’ordine pubblico”. Lo dice il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni, che conferma così la posizione di netta contrarietà della sua associazione alla norma contenuta nell’ultimo Dpcm approvato dal Consiglio dei Ministri il 14 gennaio scorso.

Condividi l’articolo