Covid, focolai nel capoluogo e a Montevarchi

52 i casi di coronavirus in provincia di Arezzo riportati nel bollettino di oggi. Un dato che va quasi in pareggio rispetto ad una settimana fa, quando i nuvi positivi erano 50. Se guardiamo invece ai 7 giorni appena trascorsi, con un buon numero di tamponi stabile tra le 800 e le 1000 unità, i casi hanno delineato una curva ondeggiante che ha toccato il punto più basso lunedì scorso con 19 casi, mentre per il resto della settimana la media è stata di circa 40 nuovi casi al giorno.

Una fotografia che ci presenta una situazione sotto controllo, ma che non deve far abbassare la guardia. Se per esempio Bibbiena arriva oggi a 3 nuovi positivi, dopo giorni in cui si erano verificati cluster familiari oggi l’attenazione è su Arezzo e Montevarchi, che rispettivamente riportano 14 e 10 positività. Si registra un altro decesso: è venuta a mancare una anziana di 93 anni, mentre sono stabili le degenze: 62 in bolla covid e 13 in terapia intensiva.

La Toscana resta in zona gialla per la terza settimana di fila. I dati infatti sono più che rassicuranti, e questo ha fatto sì che il  presidente Giani decidesse di ringraziare i cittadini della regione  sulla pagina facebook per il loro comportamento virtuoso. Il dato medio di contagiosità, Rt, in toscana è sotto l’un per cento, oscillando tra 0,98 e 0,93.  

Merito anche della campagna di tracciamento messa in piedi in questi mesi e che ha permesso di monitorare la linea del contagio con risultati eccellenti, soprattutto per la Asl Toscana Sud Est, da cui il Presidente Giani ha mutuato il modello toscano. Eh già. Tutto è partito dall’intuizione del dg Antonio D’Urso di costituire una vera e propria centrale di tracciamento e di affidare ad una squadra fatta prima di medici e di infermieri e poi anche di specializzandi il compito di risalire e stringere le maglie del contagio. Da piccolo avamposto all’interno del San Donato con una ventina di postazioni ci si è spostati al ben più ampio centro affari e di lì , con un modello ancora più strutturato, si è dato vita ad un contact tracing davvero efficace che ha convinto Giani anche a nominare il diretttore D’Urso responsabile del tracciamento in Toscana.

Intanto è sempre più aggiornato il portale on line delle vaccinazioni elaborate dal settore Sanità digitale e innovazione della Regione. Gli ulteriori dettagli riguardano i tempi tra prima e seconda dose (ovvero i richiami), le nuove dosi somministrate del vaccino Moderna, il numero e la percentuale di vaccinazioni per profilo.

Condividi l’articolo

Vedi anche: