Consorzio di bonifica, lavori in Casentino per 870mila euro. In parte sono stati già avviati

Ingegneri e tecnici al lavoro in smart working per elaborare i progetti che saranno realizzati nei prossimi mesi, nel rispetto del cronoprogramma stabilito dal PAB. In tutto sfiorano gli 870 mila euro gli interventi programmati per lo sfalcio e il contenimento della vegetazione sui corsi d’acqua che ricadono in territorio casentinese. Nel conto sono compresi anche i circa 120 mila euro destinati a far fronte a piccole eventuali urgenze (rimozione di ostacoli, chiusura di tane di animali, ripristino di piccoli franamenti arginali) e  i quasi 24 mila euro impiegati per il monitoraggio dei corsi d’acqua, preziosa ai fini della prevenzione del rischio idrogeologico.

“Buona parte degli interventi saranno eseguiti in amministrazione diretta, mettendo in campo la squadra di operai specializzati nel taglio selettivo a mano e nelle lavorazioni di contenimento della vegetazione infestante, che il Consorzio ha “acquisito” di recente dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino.

La rimanente parte dei lavori, attualmente in fase di progettazione, saranno affidati alla squadra forestale dell’Unione dei Comuni del Casentino e in appalto alle imprese del territorio: “Un modo anche per sostenere l’economia locale, che, quest’anno, oltre alle ordinarie difficoltà, è stata messa a dura prova dall’emergenza sanitaria. Ricordo che è ancora possibile per le aziende agricole singole e associate iscriversi all’albo on line (www.cbaltovaldarno.it), poiché i termini per l’aggiornamento dell’elenco dei candidati disposti a lavorare con il Consorzio sono stati posticipati al 30 aprile 2020 e che la procedura è completamente digitalizzata”, conclude la Presidente Stefani.

Condividi l’articolo