Consorzio di bonifica al lavoro sul Vingone per eliminare smottamenti e tane

Nonostante l’emergenza sanitaria il Consorzio di Bonific Alto Valdarno ha messo in atto un intervento urgente ad Arezzo per eliminare frane e cunicoli dall’argine sinistro del torrente Vingone, che presentava un “argine-groviera”, sforacchiato dalle profonde cavità e dai complessi cunicoli scavati dai roditori e interessato da significativi smottamenti e sormonti.

Sulla riva sinistra del Vingone, in un’area di Arezzo caratterizzata dalla presenza di diverse abitazioni e costeggiata dalla strada comunale della Sella, l’opera idraulica versava in pessime condizioni. Con un intervento da quindici mila euro e operai al lavoro anche in tempi di Coronavirus, il Consorzio 2 Alto Valdarno in poco tempo è riuscito a ripristinare la completa stabilità e la funzionalità della struttura di contenimento.

“L’operazione era urgente, indispensabile ed indifferibile – spiega Serena Stefani, Presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno – per garantire la salvaguardia dell’arginatura e la funzione di presidio che questa svolge”.

“Gli scavi effettuati lungo l’arginatura oggetto di intervento – spiega l’ingegner Beatrice Lanusini che ha seguito con la collega Chiara Nanni le operazioni – hanno portato alla luce enormi voragini e  profonde cavità scavate da roditori.  La complessità della situazione ha richiesto, con il via libera del Genio Civile Valdarno Superiore , un’attenta ricostituzione del corpo arginale con la posa di materiale idoneo per ripristinare i tratti cedevoli. Nel corso dei lavori sono state potate alcune querce che hanno così riconquistato la necessaria  stabilità. Tre piante sono state rimosse per ragioni di sicurezza: un paio infatti insistevano sull’area interessata dalle tane; la terza si presentava pericolosamente  ricurva verso l’alveo”.

 

Condividi l’articolo

Vedi anche: