Consiglio di Stato su Rossi

Non c’è stata nessuna violazione della indipendenza della magistratura. Il Consiglio di Stato accoglie, con tre astensioni,  il ricorso del Procuratore Roberto Rossi e lo conferma dove è attualmente. Si chiude una pagina tormentata legata alle polemiche su un incarico extragiudiziale che Rossi ebbe prima con Letta e poi confermato da Renzi.

Condividi l’articolo

Vedi anche: