Confartigianato, rilancio dopo il covid

“Il 2020 ha portato un cambio di paradigma sociale, economico e culturale che nessuno si sarebbe aspettato in questa forma e con questa rapidità. Non vogliamo fare l’elenco delle criticità del 2020, ma portarci a casa cosa abbiamo imparato nel 2020 e porci un obiettivo: il 2021 dovrà essere l’anno della consapevolezza, nel quale, qualunque cosa accada, Confartigianato Arezzo dimostrerà ancora una volta di avere la forza di interagire con le mutate realtà in maniera efficace al fianco delle imprese che rappresenta e difende per portarle fuori dalla crisi”. E’ intervenuta cosi, in apertura della conferenza stampa che si tenuta stamattina, 7 gennaio 2021, presso la sede di Arezzo, il segretario generale di Confartigianato Arezzo, Alessandra Papini.

Obiettivo dell’evento mediatico è stato quello di fare il punto sulle azioni promosse dall’associazione di categoria sui provvedimenti emanati da Governo, Ministeri, Regione ed Enti Locali, sulla consulenza avanzata e sui principali interventi a sostegno di imprese, lavoratori e famiglie, sulle iniziative pubbliche promosse e partecipate dal sistema sui vari livelli e le azioni promosse a tutela dalle articolazioni settoriali.

Nell’occasione è stato reso pubblico un dossier riassuntivo: “Emergenza Coronavirus: Report attività 2020 – Le attività di Confartigianato Imprese Arezzo nei giorni della pandemia”, consegnato alla stampa e illustrato dai rappresentanti dei servizi Confartigianato impegnati nelle pratiche: dalla cassa integrazione ai vari bandi regionali e statali destinati al comparto.

Condividi l’articolo