Coingas, richieste condanne

Due anni per l’ex presidente dell’azienda partecipata Coingas Sergio Staderini e un anno e due mesi per l’avvocato dello studio fiorentino Olivetti Rason Jacopo Bigiarini. Queste le richieste del pm Roberto Rossi all’udienza per il rito abbreviato davanti al Gup del Tribunale di Arezzo Claudio Lara. Entrambi sono accusati di peculato. A influire sulle richieste di condanna sarebbero stati i comportamenti collaborativi avuti dai due imputati. Sergio Staderini ha fornito infatti elementi utili per le indagini e raccontato la sua versione in incidente probatorio mentre Jacopo Bigiarini ha restituito 14mila 560 euro che aveva avuto per una delle consulenze finite nel mirino dell’inchiesta della Digos di Arezzo. La decisione del Gup Claudio Lara, sarà prunciata il prossimo 6 luglio, giorno in cui ci sarà la sentenza anche per il rinvio a giudizio degli altri 11 imputati: tra loro il sindaco Alessandro Ghinelli, il presidente di Estra Francesco Macrì, l’assessore Alberto Merelli.  L’inchiesta, partita nell’estate del 2019, da consulenze sospette per 400mila euro, si è poi allargata ad altri filoni che riguardano un’altra partecipata del comune di Arezzo la Multiservizi e la nomina a presidente di Estra di Francesco Macri. Abusi d’ufficio, peculato, corruzione le ipotesi reato contestate a vario titolo.

Condividi l’articolo