Coingas, chiesto sequestro beni Staderini

Durante l’assemblea di Coingas l’amministratore unico dell’azienda ha portato all’attenzione della stessa assemblea il sequestro preventivo dei beni di Sergio Staderini, l’ex presidente di Coingas, condannato in rito abbreviato a due anni in seguito all’inchiesta sulla partecipata del comune di Arezzo e degli comuni. L’atto è stato proposto a titolo cautelativo dai comuni che non si sono costituiti parte civile nel processo tra cui Arezzo e Bibbiena come richiesta dei danni. L’inchiesta è quella che ha portato davanti al collegio del Tribunale di Arezzo 10 imputati che devono rispondere a vario titolo di corruzione, abuso d’ufficio, peculato e traffico di influenze. Dai file contenuti nel computer di Staderini erano partite le indagini sulle consluenze da 400mila euro sfociate poi in altri filoni.

Condividi l’articolo

Vedi anche: