Chiude Clouditalia, 78 dipendenti trasferiti a Firenze

I 78 lavoratori della sede di Clouditalia, acquisita da Irideos, devono fare i bagagli e spostarsi nella sede aziendale di Firenze. I sindacati avevano sospettato questa intenzione fin dal settembre scorso ma erano stati tranquillizzati. Adesso incontro con i vertici di Irideos e Clouditalia con la peggiore delle conferme: la sede di via Calamandrei verrà venduta dalla nuova proprietà dell’immobile e quindi non ci sarà, per l’azienda di telecomunicazioni, la proroga dell’affitto.

Lo scorso anno – ricordano Salvatore D’Amico, Paolo Galastri e Barbara Bussotti, Segretari  SLC CGIL, Fistel CISL e Uilcom UIL  – avevamo chiesto  di mantenere il sito produttivo nella sua interezza  occupazionale anche per evitare di impoverire  ulteriormente il territorio aretino,  riproponendo per questi lavoratori il fantasma di uno spostamento che per molti  di essi  risulterebbe penalizzante se non impossibile”.

Irideos e Clouditalia hanno deciso diversamente. “La nostra proposta – affermano D’Amico, Galastri e Bussottiera quella di individuare ad Arezzo un altro immobile idoneo. La risposta, che giudichiamo irricevibile, è stata  quella di ipotizzare il trasferimento degli attuali 78 dipendenti nella sede di Firenze, nonostante che nel passato alle varie e ripetute manifestazioni di preoccupazione da parte dei lavoratori, l’azienda abbia sempre risposto con sperticate rassicurazioni. Con amara sorpresa, dopo nemmeno un anno dall’acquisizione da parte di Irideos, apprendiamo con sconcerto e rabbia la decisione di attuare i trasferimenti“.

SLC CGIL, Fistel CISL e Uilcom UIL hanno chiesto alla proprietà di rivedere la sua decisione e di mantenere la sede aretina con tutti gli addetti.

Condividi l’articolo

Vedi anche: