Chimet vince in Appello, respinte le richieste di risarcimento

Chimet Spa rende noto che, con sentenza pubblicata il giorno 7 gennaio 2020, la Corte di Appello di Firenze ha rigettato le domande di risarcimento danni proposte da Alfredo Landucci e Daniele Scortecci nei confronti di Sergio Squarcialupi in relazione ai fatti di cui al processo per asseriti reati ambientali che ebbe avvio nel 2008.

La Corte di Cassazione, con sentenza del 7 aprile 2017, aveva annullato la sentenza di condanna di Sergio Squarcialupi emessa dalla Corte di Appello di Firenze il 12 maggio 2015, disponendo il rinvio alla medesima Corte d’Appello per la decisione sulle statuizioni civili relative alla richiesta di risarcimento danni formulata dalle parti civili.

A seguito di tale pronuncia, le parti civili Landucci e Scortecci hanno riassunto il giudizio e formulato richieste risarcitorie per circa 2,5 milioni di euro.

La Corte, entrando nel merito delle contestazioni rivolte a Sergio Squarcialupi, ha ritenuto che le circostanze di fatto accertate nel corso del giudizio fossero “sufficienti per escludere non soltanto il dolo, ma anche la negligenza colposa del convenuto Squarcialupi, il quale ha agito nella ragionevole convinzione della legittimità delle autorizzazioni che gli sono state rilasciate e, pertanto, della liceità delle attività di incenerimento dei rifiuti da lui svolta a partire dal 1998.”

La pronuncia costituisce l’ennesima e finale riprova che tutto quanto messo in scena all’alba del 20 febbraio 2008 sia stata una enorme bolla di sapone che alla fine si è sgonfiata, come Chimet ha sempre sostenuto. In tutti questi anni, solo la tenacia della famiglia Squarcialupi, supportata da tutta la struttura dell’azienda, ha reso possibile la continuazione dell’attività, nonostante l’impatto, economico e di d’immagine, determinato da quella iniziativa: ci sono voluti anni per ricostruire una reputazione che consente a Chimet di essere leader a livello mondiale del settore.

L’azienda coglie l’occasione per ringraziare tutto il proprio personale.

Condividi l’articolo

Vedi anche: