Centri massaggi e prostituzione, arresti

Falsi centri massaggi e prostituzione. Anche Arezzo è tra le città coinvolte nel provvedimento, emesso dal Gip del tribunale di Perugia,  su una presunta organizzazione che sfruttava la prostituzione e la manodopera di clandestini. Le indagini riguardano almeno dieci province italiane. Oltre venti persone sottoposte a misure cautelari, 11 centri massaggi sequestrati, insieme ad appartamenti, auto e conti correnti.

Secondo quanto è emerso, gli indagati,di nazionalità cinese ma ormai stabili in Italia,, “avrebbero investito i loro capitali acquisendo la disponibilità di abitazioni e centri massaggi, all’interno dei quali favorivano e sfruttavano la prostituzione di giovani connazionali, quasi tutte irregolari”.

Condividi l’articolo