Cassazione conferma i 14 anni per la donna che uccise con il fucile il marito

La Corte di Cassazione conferma i 14 anni inflitti a Paolo Marzenta, la donna che uccise a fucilate il marito. Il fatto accadde a Lonnano, frazione montana di Pratovecchio,  nell’ottobre del 2016. In primo grado la donna fu condannata a 8 anni, ma in appella la penna conobbe un pesante accrescimento. la difese si era battuta contro questa sentenza, cercando di mitigare la posizione della donna, prossima al divorzio e vittima di violenze da parte del marito. Fu la stessa donna che chiamo’ i carabinieri dopo aver sparato al marito.

Condividi l’articolo