Caf e Patronati aretini richiedono il vaccino anti-Covid per i loro operatori

Prevedere il vaccino anti-Covid19 per gli operatori dei Caf e dei Patronati. La richiesta è mossa dalle Acli di Arezzo insieme a Coldiretti, Mcl, Cgil, Cisl e Uil che ogni giorno ospitano nei loro locali decine di cittadini per adempiere alle diverse pratiche fiscali e previdenziali, svolgendo una funzione essenziale al servizio di lavoratori e pensionati. Queste associazioni e sindacati sono pronte ad inviare congiuntamente una lettera ai rispettivi referenti regionali e alla Regione Toscana dove evidenzieranno la necessità di inserire gli operatori al pubblico tra le categorie per cui prevedere l’importante pratica per la prevenzione del contagio.

Condividi l’articolo